lunedì 7 ottobre 2013

Pizza di patate

L'autunno fa venire voglia di cibi che scaldano il cuore, di sentire profumi stuzzicanti uscire dalla cucina, e voglia di famiglia.
Questa pizza è per me  un ritorno a casa perché la fa sempre la mia sorellina.
Adesso siamo più lontane del solito e preparare questo piatto me la fa sentire più vicina..... ha giurato di non volere i diritti di autore! :D







Ingredienti:

impasto di patate
un kilo di patate a pasta soda (ottime le patate Seglinda salentine)
2 uova
50 g di formaggio grattugiato  (metà parmigiano, metà pecorino)
60 g di pangrattato
sale q.b.

ripieno
2 cipolle medie
mezzo bicchiere di olive nere snocciolate
un bicchiere di passata di pomodoro
un cucchiaio di capperi
una mozzarella
olio e sale quanto basta
peperoncino se piace


Lessare le patate con la buccia in abbondante acqua salata. Quando saranno tiepide passarle allo schiacciapatate (non serve sbucciarle, la buccia non passerà dai buchini ;) ).
Raccoglierle in una ciotola capiente e aggiungere il resto degli ingredienti fino ad ottenere un impasto omogeneo.
Per il sughetto:
Coprire il fondo di una padella con un pò d'olio, aggiungere le cipolle tagliate a fettine sottili e il sale. Cuocere a fiamma bassa per fare stufare la cipolla e non soffriggere. Appena la cipolla sarà morbida aggiungere la passata di pomodoro, le olive e i capperi. Far cuocere per circa una decina di minuti a fiamma bassa.




Ungere con olio  una teglia rettangolare (22 cm x 30 cm) e spolverare con pangrattato.
Dividere l'impasto di patate a metà e prelevarne delle piccole quantità con cui tappezzare con la pressione delle mani il fondo e un piccolo bordo della teglia.
Farcire col sughetto (ormai tiepido) e aggiungere la  mozzarella a pezzettini.
Prendere, adesso, della piccole quantità di impasto con le mani inumidite e cercare di appiattirle con le mani stesse....coprire con queste "toppe" tutta la teglia. Ungere con olio e spolverare con pangrattato.


Infornare a 200 gradi per circa 50 minuti (fino a doratura)
Mangiare tiepida o fredda.


N.B.
le quantità degli ingredienti del ripieno è  variabile a proprio piacimento...secondo me ci sta bene anche un pò di tonno! ;)

4 commenti:

  1. Lontana.. ma vicina al vostro cuore! Vi adoro.. Anna

    RispondiElimina
  2. Slurpp!! Anche sul Gargano si fa la pizza di patate ma si riempie con i salumi dopo cotta o mangiata 'assoluta'... buonissima anche questa versione... te la copio!! Ps mi sono unita così "ti tengo d'occhio!"

    RispondiElimina
  3. Grazie Sabrina! provala in questa versione e fammi sapere!

    RispondiElimina